Close
Type at least 1 character to search
Back to top
athena al salone del mobile

ESERCIZI DI IMMAGINAZIONE

Immaginate di camminare, in una giornata di primavera, in una stradina tortuosa che il sole illumina a tratti, un gatto ne rincorre un altro irrompendo nel silenzio dei vostri pensieri, all’improvviso la penombra in cui eravate immersi si apre per lasciare spazio a una fontana, al centro della piazza, immersa in una luce abbagliante di certezze e bellezza. Altri dettagli? Roma, 1935, strada Spina di Borgo, quella viuzza che porta a Piazza del Vaticano, trasformata in seguito in via della Conciliazione.

Immaginate ora di aver ricevuto un invito per un fine settimana nell’unico hotel-castello della capitale francese: Saint James Paris. Un’atmosfera sofisticata e ricca vi riceve varcando la soglia, profumi, colori, dettagli ricercati… scene di altri tempi e lussuoso benessere di cui godere. Suonate il campanello per attirare l’attenzione del personale in livrea che vi accoglie con un sorriso dicendo: Bonjour madame o Bonjour monsieur.

Elemento architettonico, prospettico, funzionale e decorativo; è giunto il momento di pensare di essere un progettista. Scegliete voi quello che più soddisfa l’estetica di un passaggio costellato da archi che costituiscono lo sguardo aereo di un percorso. Una serie di portali si susseguono dando accesso a microclimi differenti. Ogni ambiente è una conquista e un piacere che porta a desiderare di raggiungere il livello successivo, come il portico di San Luca a Bologna.

Il sopra e il sotto, mondi paralleli e architetture di senso che li separano dando origine a sfumature di significato; immaginate ora di essere in un mondo fantastico e che un percorso illumini il vostro cammino passo dopo passo, indicando una strada in cui il sotto è come il sopra, dov’è quindi la verità? Portali e soffitti evidenziati e delimitati da una scia di luce che contiene, definisce, separa, conduce, sottolinea, afferma, divide, ma di nuovo torna la domanda: qual è la verità? Il sopra o il sotto? Il prima o il dopo? Collezioni come costellazioni di punti di riferimento.