Athena_Articolo-Concorso
Athena Concept e la ricerca dell’oro (talento)
21 ottobre 2016
wind is blowing
Wind is blowing
20 gennaio 2017

M’ama o non m’ama?

m'ama o non m'ama

Che tipo di rapporto lega un brand ai consumatori?

La risposta più attendibile a questa domanda è stata fornita dal Baromètre de la Valuer Shopper, strumento che indaga il grado di vicinanza tra insegne retail in relazione alle aspettative del consumatore.
La ricerca, a cura di AltaviaLab, è stata svolta in Italia in 72 giorni di raccolta dati e ha interessato 8 settori merceologici, 160 insegne retail, 6.300 intervistati, 11 attese shopper.
I settori merceologici individuati sono stati selezionati sulla base della loro rilevanza nel mercato italiano e sono i seguenti:
1.abbigliamento;
2.home&déco;
3.cosmetica;
4.pet;
5.hightech;
6.alimentare;
7.bricolage;
8.varie.

Degno di nota è l’inserimento per la prima volta in questo tipo di ricerca del settore “Pet”. “Varie” comprende tutte quelle insegne afferenti a differenti settori merceologici e non paragonabili tra loro. Per il settore “Abbigliamento” si è potuto notare una forte frammentazione permettendo solo l’indagine su alcuni segmenti, quali: sport, lingerie, mass market e infanzia.

Le 11 attese shopper rispecchiano e sintetizzano cosa un consumatore si aspetta dall’esperienza di acquisto e vanno a indicare la tipologia di relazione che viene instaurata con l’insegna a seconda della rosa di valori che predomina:
1.mi permette di risparmiare denaro;
2.mi permette di risparmiare tempo;
3.mi fornisce tutte le informazioni;
4.mi permette di trovare tutto ciò che cerco;
5.si preoccupa per la mia sicurezza, protezione e benessere;
6.mi accompagna e mi guida nell’acquisto;
7.mi rispetta e mi considera;
8.favorisce la condivisione con altri clienti e produttori;
9.mi permette di trascorrere un momento piacevole;
10.è responsabile e in linea con i miei valori;
11.è moderna ed evoluta quanto desidero.

Tutto questo per dire cosa?
È fondamentale analizzare la qualità della relazione insegna-cliente.
La relazione è più forte quanto più il cliente si sente protetto, accudito, conosciuto dall’insegna che a sua volta deve emozionare, esprimere fiducia ed essere un portavoce di valori etici.
Questione trasversale e importantissima: non tutti i consumatori vanno bene per tutte le insegne, come? È la stessa differenza che c’è tra un amico e un semplice vicino di casa.