Le emozioni fanno perno sulle opinioni
Le emozioni fanno perno sulle opinioni, anche quelle personali
15 settembre 2016
athena social
Rivoluzioni
14 ottobre 2016

Si può fare a meno del “cancelletto”? #kiss!

athena hashtag

Che cos’è, come si scrive e a cosa serve un hashtag?
Quel simboletto che ha rivoluzionato il modo di scrivere sui social, è stato introdotto da Twitter nel 2009, e serve a individuare argomenti di interesse, e quindi di conversazione, e a categorizzare un contenuto in modo semplice e intuitivo. Quasi tutti gli usiamo, ma forse non sempre nel modo più corretto.
Di seguito alcune indicazioni da tenere in considerazione se si vogliono produrre/indurre discussioni di successo.
#1. kiss, ovvero “Keep it Short and Simple”: un hashtag dev’essere semplice e corto per essere ricordato facilmente
#2. Meglio se contiene il payoff piuttosto che il nome del brand.
#3. È consigliato nelle campagne online per sintetizzare e ampliare la visibilità e la condivisione del messaggio.
#4. Pochi ma efficaci, pensati e studiati ad hoc in riferimento alle diverse piattaforme social. Su Twitter 2 è il numero ideale; per quanto riguarda Facebook sembra che l’uso di questa sintesi non porti alcun beneficio, anzi che abbia effetti negativi sulla ricerca organica; su Istagram è meglio abbondare, 11 è il numero perfetto; l’uso di # su Google+ ha effetti positivi sulla Seo; e hashtag alla fine della descrizione del pin su Pinterest aiutano a migliorare la visibilità nei risultati di ricerca.

A questo punto le conclusioni traetele voi.