Tutto il gusto del senza
Tutto il gusto del senza
12 maggio 2016
Il packaging è comunicazione
Il packaging è comunicazione, ma cosa succede quando è ambiguo? Riflessioni in libertà (in ufficio)
8 giugno 2016

Lasciatevi sedurre…

Lasciatevi sedurre

Cosa vi fa propendere per l’acquisto di un prodotto piuttosto che un altro? Cosa vi attira?

Ogni giorno al supermercato, o in altri negozi, siamo “costretti” a compiere una scelta e un elemento che riveste un ruolo importantissimo nel guidare questo atto è la confezione.

Numerosi gli studi che dimostrano come il packaging condizioni la propensione all’acquisto tanto che ormai è una voce entrata di diritto nella pianificazione commerciale e nella definizione di budget, come ogni altro strumento di comunicazione.

La confezione non serve solo a proteggere il prodotto, ma è un “medium”: fornisce numerose informazioni sul valore della marca e sulla qualità del contenuto.

Un pack per essere efficace deve rispondere alle leggi dell’ergonomia, dev’essere semplice nell’uso, è un esempio di innovazione tecnologica e aumenta la shelf-life degli alimenti.

È un prodotto complesso non solo per le specifiche caratteristiche tecniche ma anche perché nasce da un confronto tra l’agenzia creativa e l’azienda. Prima di arrivare al prodotto/confezione finale, come in molti altri ambiti, si procede per tentativi, ne è un esempio l’immagine sopra: proposta di pack per alcuni prodotti già cotti a base di carne di coniglio dell’azienda Berti. Per facilitare la scelta dell’azienda, un’agenzia può fornire immagini 3D che rappresentano il prodotto in tutte le prospettive o può realizzarne il prototipo – detto anche mock up – in scala 1:1.

Non va affatto sottovalutata l’importanza di una confezione : l’uso di un packaging innovativo può migliorare l’immagine aziendale e fidelizzare il consumatore. Giocano un ruolo importante colori e forme che rendono riconoscibili un prodotto e ne facilitano il trasporto.

“Il packaging perfetto? È la buccia d’arancia. L’insieme di questi spicchi è raccolto in un imballaggio ben caratterizzato sia come materia sia come colore: abbastanza duro alla superficie esterna e rivestito con un’imbottitura morbida interna di protezione tra l’esterno e l’assieme dei contenitori.” affermava Bruno Munari.